Last news in slide

DIRITTO ALLO STUDIO E TUTELA DELLA SALUTE: COSA SUCCEDE SE UN ALUNNO DEVE FARE TERAPIE? SI DEVE RIDURRE L'ORARIO SCOLASTICO?

DIRITTO ALLO STUDIO E TUTELA DELLA SALUTE: COSA SUCCEDE SE UN ALUNNO DEVE FARE TERAPIE? SI DEVE RIDURRE L'ORARIO SCOLASTICO?

Domanda(con richiesta di anonimato) Dopo la Sentenza del TAR gli alunni con disabilità non possono più fare terapie?

PEI 2021-2022

PEI 2021-2022

Pillole per quest'anno..Da un post della Prof. ssa Evelina Chiocca lievemente integrato A proposito del Decreto legislativo 66/2017.. È noto a molti che il decreto n° 66 del 2017, così come...

 SULLA SENTENZA DEL TAR 9795/2021 IL DIALOGO RICHIEDE ASCOLTO

SULLA SENTENZA DEL TAR 9795/2021 IL DIALOGO RICHIEDE ASCOLTO

Elisabetta Rovatti, Avvocato Mi è stato osservato che il DIM 182/2020 ha creato delle fratture tra le Associazioni. Non so se sia coerente parlare di “frattura fra le associazioni”, mi sembra non...

La Persona con disabilità nel DdL Zan, competizione vittimaria e cosificazione della Persona

La Persona con disabilità nel DdL Zan, competizione vittimaria e cosificazione della Persona

Siamo capitati, per puro caso, su un articolo che ci ha lasciato basiti: "Le persone con disabilità sanno perfettamente valutare quale sia il loro bene" pubblicato sulla testata giornalistica/ sito...

#NoEsonero: la campagna social correttiva del nuovo PEI

#NoEsonero: la campagna social correttiva del nuovo PEI

#NoEsonero CONDIVIDETE. Ecco la prima delle iniziative per dire il nostro NO alla scuola che ESCLUDE. Leggete e preparate la vostra foto da pubblicare, TUTTI INSIEME, sabato 13 alle ore...

In Evidenza

Importanza della certificazione ABA

 mani-colorate
clicca qui per leggere l'articolo

Comunicato n. 204
 27 Ottobre 2011

 
Comunicato stampa


Linee guida sull’autismo, Sottosegretario Martini: "L'Istituto Superiore di Sanità ha emanato le prime linee guida nazionali in Italia sull'autismo, ora si avvii un percorso rinnovato di appropriatezza nelle cure e vicinanza alle famiglie in tutto il Paese"



In merito all’emanazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità delle prime linee guida nazionali sull’autismo nel nostro Paese, il Sottosegretario alla salute Francesca Martini ha dichiarato:

Logo-Sanità"Dall’inizio del mio mandato mi sono impegnata fortemente  per la messa in atto di un confronto scientifico ai più alti livelli che permettesse al nostro Paese di dotarsi di linee guida nazionali per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti e oggi provo grande soddisfazione nel  testimoniare che attraverso il lavoro sviluppato dall’istituto Superiore di Sanità in collaborazione con le migliori esperienze territoriali questo è stato possibile.

E’ necessario, come ho in più occasioni affermato, rispondere alla variabilità soggettiva della patologia sulla base di una solida valutazione scientifica dei più avanzati protocolli attuati in Italia ed all’estero, anche alla luce di una rigorosa valutazione del follow up dei pazienti, offrendo risposte alle giuste preoccupazioni dei familiari. Una patologia come l'autismo è ancora considerata di difficile definizione nella sua eziopatogenesi e spesso presenta alta complessità assistenziale. Per questo queste importantissime linee guida nazionali debbono rappresentare un punto di partenza e non certo un punto d’arrivo.   Il disturbo autistico presenta un quadro molto diversificato che si modifica, come per tutti i bambini, nel corso dello sviluppo e per questo  l’individuazione e l’adozione delle modalità di intervento devono essere sottoposte a costanti verifiche.  Grazie ad un gruppo di lavoro in grado di monitorare le esperienze territoriali a livello nazionale in termini di risultati scientificamente accertati, si è giunti oggi alla stesura di linee guida nazionali ampiamente condivise che necessitano di una adozione omogenea in termini qualitativi da parte delle regioni che ne hanno la competenza istituzionale, sia sul piano gestionale che organizzativo. Un percorso che deve  essere necessariamente aperto al progresso scientifico e ai risultati della ricerca a livello mondiale. Siamo pertanto  ora in grado di definire un percorso di diagnosi, terapia e cura in termini di appropriatezza. Colgo quindi l'occasione per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito costantemente per ottenere questo risultato ed esprimo la mia personale vicinanza a tutti i pazienti e le loro famiglie, garantendo l’impegno mio personale e del Ministero che rappresento a procedere su questa strada.”.

© - http://www.salute.gov.it - 27 ottobre '11

qui le Linee Guida 

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
1380385