Ultime notizie
legge di bilancio 2021Con la relazione illustrativa alla legge di Bilancio 2021, nasce l’ipotesi di un taglio degli insegnanti di sostegno, circa 5000 docenti in meno ogni anno!
Questo taglio avverrebbe attraverso il cambiamento dei parametri attualmente utilizzati per definire il grado di disabilità che, già così, restringono il campo 
solo agli studenti con disabilità escludendo una cospicua fetta di studenti con bisogni educativi speciali anche importanti.
Si va verso una modalità “innovativa” di identificazione del fabbisogno che parte dal grado di difficoltà nello svolgimento delle attività, comprese in ciascun dominio (apprendimento, autonomia, comunicazione) e dimensione (relazionale, socializzazione, comunicazione, interazione, orientamento, autonomie) tenendo conto dei fattori ambientali implicati nel contesto di apprendimento.
In base al grado di difficoltà individuato (Lieve, Media, Elevata, Molto elevata), il GLO dovrebbe quantificare il numero di ore (0-4 ore; 5-9; 10-14; 15-18) di sostegno da proporre per l’alunno.
Dal nostro punto di vista, questo tentativo di riduzione degli insegnanti di sostegno attraverso l’eliminazione dell’automatismo nell’attribuzione delle ore di sostegno fondato sull’art. 3 della legge 104/92, non sarebbe legittimo da un punto di vista costituzionale poiché «è la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione» (come indicato nella sentenza della Corte costituzionale n° 275/2016).
La nostra preoccupazione, oltre al taglio dei docenti di sostegno, è che si voglia promuovere l’ennesimo taglio dei diritti in nome di altri interessi sicuramente meno nobili.

Movimento Nazionale Insegnanti di sostegno


Abbiamo 54 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
1357097